quote

RECLAMI, RICORSI E CONCILIAZIONE

Il Supporto Clienti rappresenta la prima linea per la risoluzione dei problemi della Clientela. Qualora il Cliente ravvisi di non aver ricevuto da Iccrea Banca SpA un servizio corrispondente alle Sue attese e non sia stato possibile trovare una soluzione ricorrendo ai contatti di cui alla sezione Supporto Clienti, può presentare un reclamo utilizzando, in alternativa, le seguenti modalità:

POSTA

Lettera indirizzata all'Ufficio reclami di Iccrea Banca SpA
Ufficio Reclami via Lucrezia Romana, 41/4700178 ROMA

PEC

Telematicamente all'indirizzo di posta elettronica certificata
compliance@pec.iccreabanca.it

EMAIL

Telematicamente all'indirizzo di posta elettronica
reclami@iccrea.bcc.it

L'Emittente si impegna a dare una prima risposta al reclamo al più entro 15 giorni lavorativi dalla sua ricezione


In alternativa alla Giustizia Ordinaria, il Titolare, qualora non ritenga soddisfacente la risposta ottenuta, ha a disposizione degli strumenti di risoluzione stragiudiziale delle controversie che, in funzione del valore della pratica e del prodotto di riferimento possono soddisfare il desiderio di ricevere una decisione o l'interesse a trovare un accordo. In particolare è possibile:
1) presentare un ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) - informazioni e modulistica acquisibili mediante consultazione del sito www.arbitrobancariofinanziario.it o richiesta presso le Filiali della Banca D'Italia oppure presso la Banca di riferimento;
2) presentare una domanda di conciliazione al Conciliatore Bancario Finanziario per tentare di raggiungere un accordo con la Banca - informazioni mediante consultazione del sito www.conciliatorebancario.it. (Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie - Roma, via delle Botteghe Oscure, 54 - 00186 tel. 06/674821).
Qualora il Titolare desideri comunque avvalersi degli strumenti di tutela della Giustizia Ordinaria, deve preventivamente ed obbligatoriamente esperire un procedimento di mediazione (D.Lgs. 28 del 4.3.2010) rivolgendosi ad uno degli Organismi iscritti nell'apposito Registro tenuto dal Ministero della Giustizia; tra tali Organismi abilitati risulta anche il Conciliatore Bancario Finanziario.